Logo VignoblExportLogo Mobile VignoblExport

Export di vini e distillati: l’opportunità cinese

Articoli
8 Febbraio 2021
10 minuti di lettura

Dall’inizio della pandemia nel 2020, il mondo ha assistito a un calo dei flussi commerciali globali di merci. Chiusura delle frontiere, confinamento, indisponibilità di lavoro, regole di distanziamento hanno portato a successive crisi nel settore dei trasporti: colli di bottiglia nei magazzini e alle dogane, crisi dei container, ecc. E il mercato cinese in questo contesto?

Per IWSR, analista delle bevande alcoliche sul mercato mondiale, la Cina è uno dei paesi più dinamici al mondo in termini di consumo di vino. I vini francesi occupano un posto di scelta. In questo contesto di pandemia , dobbiamo continuare a scommettere sulla Cina come meta dei suoi vini? Se sì, come esportare in questo Paese il cui funzionamento, lingua, cultura, normativa sono così lontani dai nostri? La situazione del mercato del vino in Cina Nel mondo del vino, i produttori hanno subito forti cali delle vendite e anche i consumi nel Regno di Mezzo nel 2020 sono stati a mezz'asta con circa -30% sulle importazioni. Ma la ripresa è rapida in Cina , che ha deconfinato a metà 2020. Se non è ancora paragonabile a un mercato occidentale, il mercato del vino in Cina sta diventando più maturo . Le abitudini di consumo stanno diventando internazionali con le nuove generazioni e stanno raggiungendo città di secondo e terzo livello; prova innegabile dell'occidentalizzazione degli stili di vita. Il consumo di vini e liquori per il piacere personale è una nuova tendenza. La rapida crescita di questo segmento suggerisce un aumento delle vendite e l'ampliamento della struttura dell'offerta. Quale opportunità di business per i viticoltori francesi? Quindi, se nel 2019 - risultato degli accordi di libero scambio sino-australiani - l'Australia ci ha derubato del posto di primo importatore di vini in Cina, le opportunità restano belle e molto presenti per i viticoltori francesi. Dalla fine del 2020, dopo mesi di forti tensioni politiche tra i due Paesi, la Cina ha imposto dazi doganali e supplementi antidumping (dal 107 al 212%) sulle importazioni di vino dall'Australia. Dall'altra parte dell'Atlantico, la recente introduzione dei dazi doganali da parte dell'amministrazione Trump sta chiudendo un po' di più il mercato americano ai vini e liquori francesi. Tutte queste considerazioni convergono: per i viticoltori francesi la Cina deve essere considerata ancora una volta una priorità . Una necessità anche. Regolamenti propri Le spedizioni da B a B restano soggette alla regolamentazione tradizionale. L' esportatore e l'importatore devono essere autorizzati e dichiarati alla dogana cinese. Vini e liquori devono essere registrati prima della spedizione. Per la dichiarazione doganale o per l'importazione: sono richiesti certificati di analisi , origine, purezza, bolla di accompagnamento e fattura commerciale. I prodotti devono essere etichettati in cinese o in Francia, o prima della dogana, o nell'area doganale. Le normative cinesi sono molto mutevoli , a volte vaghe , spesso difficili da capire: non tutti i documenti vengono sempre tradotti. È fondamentale garantire il supporto e l'assistenza di un referente locale, per evitare blocchi doganali e costi inutili . Il tuo marchio registrato in Francia non è protetto nemmeno in Cina e si consiglia vivamente di registrare il tuo marchio in Cina , nella lingua originale e in caratteri cinesi. Per questo è necessario un agente locale. 2020 L'anno dell'e-commerce La situazione sanitaria ha spinto i consumi online a nuovi record di vendite . In Cina, il passaggio all'e-commerce è aumentato alcuni anni fa. Oggi le vendite da B a C direttamente dall'estero stanno diventando transazioni comuni . Molti marchi sfruttano questo canale di vendita con vincoli amministrativi altamente semplificati e dazi doganali vantaggiosi rispetto alle importazioni tradizionali. Le importazioni da B a B a C di scorte vincolate stanno diventando altrettanto comuni. La tua soluzione di esportazione in Cina Vignoblexport ha fondato una partnership dedicata esclusivamente all'esportazione di vini e liquori in Asia per supportarti nei tuoi progetti di sviluppo . Questa struttura cinese, denominata EWS Imports Shanghai , dispone di una licenza di importazione che ci permette di occuparci di tutte le vostre formalità doganali . La nostra presenza in loco (ufficio a Shanghai), con un team dedicato, permette di organizzare eventi di degustazione . Accompagna i contatti cinesi – importatori, distributori, organizzatori di fiere, ecc. Consente inoltre di stoccare i vini senza sdoganamento purché non venduti sul territorio cinese e rispediti in un altro Paese asiatico. Negli uffici di Vignoblexport in Francia , il nostro servizio clienti supporta i viticoltori francesi che desiderano esportare in Cina .

Non esitate a contattarci per studiare le nostre soluzioni di supporto per i vostri progetti di sviluppo in Cina .  
INVIARE VINO IN CINA: QUALI CANALI POSSIBILI? Gli obblighi normativi variano a seconda del canale utilizzato (da B a B, da B a C, da B a B a C). Scarica tramite la sua extranet Vignoblexport: > La nostra scheda paese "Cina" con tutte le informazioni utili per una spedizione in buona e debita forma. > La nostra checklist "Esporta in Cina" per non dimenticare nulla quando invii la tua spedizione.  
Credito foto: © Lauritta - stock.adobe.com Scrittura: Aurélie Jeannin / Philippe Duong

Convidi su

I nostri ultimi post sul blog

Come rinnovare il numero FDA (Food and Drug Administration)?

29 Settembre 2022
3 minuti di lettura

VignoblExport si unisce a Hillebrand

6 Maggio 2021
2 minuti di lettura
usa

Destinazione USA: cosa devi sapere per spedire bene

23 Aprile 2021
5 minuti di lettura

Ha bisogno di trasportare vini e liquori?

Contattateci