Logo VignoblExportLogo Mobile VignoblExport

Destinazione Giappone: cosa bisogna sapere per spedire bene

Articoli
11 Marzo 2020
11 minuti di lettura

L’entrata in vigore dell’accordo di partenariato economico UE-Giappone e la prospettiva dei giochi olimpici a Tokyo nel luglio 2020 stanno rafforzando le opportunità di business per le aziende francesi. Come può approfittare di questo momento per spedire i vini in Giappone in modo sicuro, nel rispetto delle normative specifiche di questa destinazione?

UN ACCORDO DI PARTENARIATO ECONOMICO UE-GIAPPONE: A COSA SERVE?

L'accordo di partenariato economico tra l'Unione Europea e il Giappone è stato firmato il 17 luglio 2018 ed è entrato in vigore il 1° febbraio 2019. È un segnale importante a favore di un commercio internazionale aperto e reciprocamente vantaggioso. E offre nuove opportunità per i produttori europei, in particolare per le carni bovine, suine, i formaggi, i prodotti trasformati, i vini e i liquori.

Questo accordo include impegni da rispettare: il diritto alla regolamentazione, l'azione per il clima, elevati standard di protezione ambientale e di lavoro, ecc. Assicura anche la protezione delle denominazioni europee.

Secondo la dogana, si tratta dell'accordo di libero scambio più ambizioso concluso dall'Unione Europea con un paese terzo, che dà vita ad una zona di libero scambio la cui ricchezza prodotta ammonta a quasi un quarto del PIL mondiale, rappresentando così notevoli opportunità per gli esportatori italiani. E semplificazioni in termini di certificato di origine...

I vantaggi:
Tre condizioni per beneficiare delle riduzioni o delle esenzioni dai dazi doganali:

I beni esportati in Giappone possono entrare nel territorio di un paese terzo a condizione che non siano sottoposti ad alcuna operazione diversa da quelle necessarie a garantirne la conservazione o l'apposizione di marchi per soddisfare le esigenze interne del Giappone (trasporto, stoccaggio).

Il prodotto deve essere originario dell'Unione Europea ai sensi dell'Accordo. Per acquisire l'origine preferenziale dell'UE, è necessario rispettare le norme di origine dell'accordo.

Per poter beneficiare del dazio doganale ridotto o nullo, l'importatore deve richiedere il regime preferenziale all'arrivo delle merci in Giappone. L'accordo UE-Giappone prevede un sistema ibrido con due possibili modalità: il rilascio di un certificato di origine o la conoscenza dell'importatore.

L'accordo di partenariato economico tra l'UE e il Giappone ha abolito i dazi doganali, ma resta da pagare una tassa. L'IVA è pari al 10% del valore della merce.

I GIOCHI OLIMPICI A TOKYO NEL LUGLIO 2020: QUALI SONO LE CONSEGUENZE?

I Giochi Olimpici si svolgeranno a Tokyo dal 24 luglio al 9 agosto 2020. Una manna dal cielo per il commercio del vino, ma che richiede di anticipare le spedizioni. La dogana sarà effettivamente chiusa durante il periodo delle Olimpiadi, paralizzando il mercato. Per i viticoltori che desiderano spedire in Giappone, è necessario pianificare di farlo prima di maggio2020.

ESPORTARE IL VOSTRO VINO IN GIAPPONE: UNA MANNA DAL CIELO PER I VITICOLTORI?

Il Giappone è un importante partner commerciale per l'Italia (al di fuori dell'Unione Europea). In 2020, Italy exported $8.35B to Japan. The main products exported from Italy to Japan were Processed Tobacco, Cars and Wine (source : https://oec.world/en/home-a). Il Giappone è il secondo più grande mercato del lusso al mondo, dopo gli Stati Uniti.

Il vino è diventato un prodotto molto popolare tra i giapponesi, specialmente i vini europei. Il Giappone è il secondo più grande mercato dell'Asia-Pacifico per il consumo di vino importato, dietro la Cina. E nel consumo totale dietro l'Australia e la Cina.

Il consumo di vino rosso domina tradizionalmente il consumo di vino fermo in Giappone, con più di due terzi delle bottiglie consumate (68% nel 2015) (fonte: foodloire)

L'Italia era il secondo fornitore del paese per valore (11,8% della quota di mercato) e il Cile il più grande per volume con oltre il 27,9% della quota di mercato. (fonte : Comtrade).

I giapponesi sono istruiti sul vino, amano scoprire e condividere. Apprezzano i beni di valore e sono disposti a spendere molto per prodotti di alta qualità. Inoltre, sono un target fedele e affidabile che apprezza le relazioni aperte. Tutte queste qualità fanno di questo paese un territorio di opportunità per gli esportatori europei.


INVIARE VINO IN GIAPPONE: QUALI SONO GLI OBBLIGHI?

Gli obblighi normativi variano a seconda dell'uso del vino sul territorio (campioni per le fiere, consumo personale, vendita professionale).

Scarica tramite la sua extranet Vignoblexport:

> La nostra scheda paese "Giappone" con tutte le informazioni necessarie per una corretta spedizione.

> La nostra lista di controllo "Esportare in Giappone" per essere sicuri di non dimenticare nulla quando si spedisce.


Credito foto: © Lauritta - stock.adobe.com

Rédaction : Aurélie Jeannin

Convidi su

I nostri ultimi post sul blog

Come rinnovare il numero FDA (Food and Drug Administration)?

29 Settembre 2022
3 minuti di lettura

VignoblExport si unisce a Hillebrand

6 Maggio 2021
2 minuti di lettura
usa

Destinazione USA: cosa devi sapere per spedire bene

23 Aprile 2021
5 minuti di lettura

Ha bisogno di trasportare vini e liquori?

Contattateci